Calcidica e Isola di Thassos Agosto 2010

13/8/2010
Finalmente arrivano le tanto agognate ferie!
Partiamo trafelati, come sempre, verso le 8 di sera e viaggiamo fino all'una di notte; ci fermiamo per la sosta in un autogrill nei pressi di Rimini .

14/8/2010
Dopo colazione ci dirigiamo ad Ancona dove parcheggiamo al porto in attesa dell'imbarco.
Finalmente verso le 14 arriva la nave che inizia subito le operazioni di sbarco e imbarco, ma siccome noi andiamo a Igoumenitsa, saliamo sulla nave appena prima che si metta in movimento e quindi siamo veramente esausti per la lunga attesa. Quest'anno abbiamo optato per la Minoan Lines che aveva la promozione della cabina gratis per i camperisti: il costo andata 14/8 e ritorno 28/8 prenotando a Marzo è stato di 544,00 Euro; la cabina è piccola, ma i letti sono comodi e anche il livello dell'aria condizionata è accettabile; la cena, compresa nell'offerta è abbondante anche se la scelta è limitata.

15/8/2010
La notte passa tranquilla; al mattino alle 7 greche (le 6 italiane) l'altoparlante ci sveglia all'improvviso.
Dopo una doccia frettolosa, ci precipitiamo al bar a fare colazione (prezzi quasi proibitivi) e a quel punto ci rendiamo conto che potevamo anche prendercela con più calma. Poco prima delle 9 sbarchiamo a Igoumenitsa, imbocchiamo la Egnatia Odos e dopo circa 30 km usciamo in corrispondenza di Paramythia e ci dirigiamo a Glyki per provare l'ebbrezza di fare rafting sul fiume Acheronte.
Siamo un po' titubanti perchè non sappiamo cosa ci aspetta, ma invece ci divertiamo molto a scendere con il gommone un piccolo tratto lungo il fiume; per fare questa escursione arrivati a Glyki basta seguire i cartelli pubblicitari, si arriva ad un ampio parcheggio dove si trovano alcuni chioschi che propongono diverse attività lungo il fiume: noi optiamo per la discesa in gommone con accompagnatore al prezzo di Euro 20, 00 per 2 adulti e 2 ragazzi; il tratto che si percorre è molto breve, quando ci si prende gusto è già finito, ma comunque è lo stesso divertente; giunti al capolinea una jeep ci riporta alla partenza.


















 
16/8/2010
Stamattina ci svegliamo presto per la visita ai monasteri; usciti dal campeggio la strada incomincia subito ad inerpicarsi su per questi giganti di pietra che mettono un po' d'inquietudine per quanto sono maestosi; il bello è che tutt'intorno si estende la pianura e in mezzo ci sono queste enormi torri di roccia così incredibili che sembrano quasi finte. La natura è veramente impressionante, ma devo dire che anche la mano dell'uomo in questo caso è altrettanto notevole.: i monasteri, infatti, sono costruiti in cima alle pareti a picco e  tutto questo è stato fatto manualmente senza i mezzi oggi a disposizione. Ci dirigiamo al Megalo Meteoro, come dice il nome il più grande; la visita del monastero richiede circa un'oretta anche se per la verità la cosa più suggestiva è il panorama che da lassù è veramente suggestivo. Dopo la visita al Megalo Meteoro  il caldo  si fa quasi insopportabile (37°) e quindi visto che  non c'è un granchè da vedere, ripartiamo. Come sempre consigliamo di arrivare presto perchà poi diventa quasi impossibile trovare parcheggio e la folla è veramente tanta.
Ed ora via verso la Calcidica! Passiamo il pomeriggio in autostrada attraversando paesaggi che a tratti diventano quasi desertici; superiamo Salonicco dove il termometro segna 42° e andiamo a fermarci a Nea Kallikatria al camping Aigeos che è  abbastanza squallido e con piazzole non adatte ai camper (costo 28,00 Euro); riusciamo a passare ancora un po' di tempo in spiaggia e facciamo il bagno.

17/8/2010
Al mattino partiamo con direzione Sithonia, perchè abbiamo deciso di saltare Kassandra.
La nostra prima tappa è Tristinika in una bella baia semideserta con l'acqua cristallina dove inauguriamo i nostri nuovi set da snorkeling e ci divertiamo a guardare i pesci; poi, quando ci stufiamo di stare in spiaggia e in acqua, ripartiamo, ci fermiamo  a Toroni solo il tempo di vedere  parecchi camper in sosta, ma il caldo eccessivo non ci invita a femarci in sosta libera sotto il sole cocente; proseguiamo e andiamo a fermarci al Thalatta Camping alla spiaggia di Kalamitsi; il campeggio è decisamente affollato, ma siccome è grande ci si sta abbastanza comodi; decidiamo di fermarci 2 notti con una spesa totale di 74,00 Euro.
18/8/2010
Giornata dedicata al relax in campeggio con nuotate  in piscina e in mare dove l'acqua è trasparente e calda.

19/8/2010
Il nostro obiettivo oggi è Vourvourou; durante il tragitto facciamo alcune deviazioni per vedere alcune spiagge che ci incuriosiscono e così arriviamo alla famosa pineta di Karidi Beach nel primo pomeriggio; niente di più sbagliato: ignari di quello che ci aspetta ci infiliamo nella pineta e ci troviamo imbottigliati nel traffico pazzesco di macchine che sono parcheggiate ovunque; non c'è lo spazio per girare a non si riesce neanche a fare retromarcia perchè continuano ad arrivare altre macchine: finalmente un gentile signore greco ci dà una mano a bloccare il traffico e così a fatica riusciamo a tornare indietro in retromarcia; parcheggiamo in uno spiazzo prima della salita e andiamo alla spiaggia a piedi.
 

Dopo una breve passeggiata capiamo il motivo di tutto quell'affollamento: davanti a noi appare una baia magnifica con colori che vanno dall'azzurro chiaro al verde smeraldo, circondata ai lati da scogli piatti e levigati e con i pini che arrivano quasi fino al mare; l'unica nota negativa è proprio la presenza di troppa gente, ma pazienza, ne vale comunque la pena. Qui l'acqua è ancora più calda che a Kalamitsi: sembra di essere in un'enorme piscina riscaldata in uno scenario idilliaco! Restiamo in spiaggia e quando finalmente gran parte delle macchine va via, andiamo a prendere il camper e parcheggiamo nella pineta per trascorrervi  la notte: che meraviglia! E' proprio in questi frangenti che si apprezza la comodità del camper; per la verità ci si sente quasi in colpa nel passare la notte in questo paradiso senza neanche pagare!
Pag. seguente
Home Page
Dopo ci dedichiamo al trekking controcorrente lungo il fiume e restiamo affascinati da questo paesaggio da favola, l'acqua color verde smeraldo è limpidissima, l'unico inconveniente è che è gelata; dopo un po' però ci si abitua e non ci si fa più caso; bisognerebbe forse mettersi le scarpette di gomma  e magari avere un piccolo canotto dove mentre le cose da non bagnare perchè alcuni tratti sono da fare a nuoto. Inoltre è bene arrivare presto perchè quando noi torniamo già indietro sta arrivando la folla (forse perchè è il 15 Agosto).
Dopo pranzo a base di souvlaki acquistati in una bancarella vicina al parcheggio, ripartiamo in direzione delle Meteore; arriviamo in pomeriggio e ci sistemiamo al Camping Vrachos a Kastraki; è un bel campeggio con piscina,  bagni impeccabili, zone pranzo con tavolo, fornelli e  barbeque, internet gratis e i gestori sono veramente gentili (costo per 1 notte 32,00 Euro).
Pag. seguente